Padovano: perchè?

uh.jpeg

 Sembra ieri, eppure sono già passati circa quindici anni dai giorni in cui dalla curva sud dello stadio Delle Alpi, partiva ogni tanto il coro (sulla base del tema di Pinocchio): Oh, oh! Oh, oh, Michele Padovano! Anch’io, quando ogni tanto andavo allo stadio, partecipavo volentieri a cantare quel coro, specie quando Padovano segnava.

E’ perciò con tristezza e sgomento che ho appreso la notizia della sua condanna a otto anni e otto mesi per spaccio di droga.

Condanna, fatto non certo secondario, suffragata dalla dichiarazioni del padre di un altro calciatore della Juve, Mark Iuliano (proprio quello del famoso rigore su Ronaldo, ma questa è naturalmente un’altra storia….), che finalmente ha rotto il silenzio confermando di sapere da tempo dell’attività di Padovano, soprattutto perché riforniva suo figlio!

Perché Padovano è caduto così in basso?

Non aveva guadagnato abbastanza a fare il centravanti della Juventus per dovere arrotondare in quella maniera?

E soprattutto se, come ha detto sempre il padre di Iuliano, riforniva decine di calciatori, perché questi ultimi sono caduti nel vortice della droga, che rischia di rovinarti fisicamente e mentalmente?

E’ sconcertante (e lo abbiamo già visto in altri casi) che sebbene un ragazzo giovane (tale è un calciatore all’apice) abbia fama, denaro, privilegi, tutto ciò non gli basti tanto da dover cercare rifugio nella droga.

D’accordo che i soldi non sempre fanno la felicità dell’uomo, ma perché arrivare a quel punto?

Innanzitutto spero vivamente che si faccia chiarezza fino in fondo su questa vicenda.

Spero anche che il padre di Iuliano non rimanga solo e che a lui si aggiunga qualcun altro a rompere finalmente quel muro di omertà da sempre presente nel nostro calcio.

Che bello se qualcuno ci dicesse qualcosa in più sulle troppe morti di doping, sul calcio-scommesse (non solo quello scoppiato quest’estate e di cui si sta riparlando ora, ma anche su quelli del 1980 e del 1986, sui quali non è mai stata detta tutta la verità), sulle partite combinate e sugli intrallazzi del sottobosco calcistico.

Il padre di Iuliano ha inoltre tirato in ballo nel suo “j’accuse” la morte di Donato Bergamini, calciatore del Cosenza la cui morte è stata catalogata come suicidio (catalogazione che non è mai stata del tutto convincente) dalla magistratura e su cui Padovano (sempre secondo Iuliano senior), all’epoca compagno di squadra di Bergamini, ne saprebbe qualcosa di più rispetto a ciò che è emerso.

Certo è che comunque vada a finire ci troviamo di fronte ad una vicenda sordida che emana un fetore nauseabondo.

Ditemi voi se dei calciatori, cui la natura ha donato i mezzi per sfondare e diventare ricchi già da giovani, non possano riuscire a cogliere tale ricchezza tanto da cercare conforto nella droga. Perché?

E’ un mistero e sarebbe bello che qualcuno ce lo svelasse.

Spero che, se effettivamente Padovano riforniva parecchi calciatori, un domani possano uscire i nomi di questi ultimi poiché credo che i tifosi meritino di sapere chi sono le persone che hanno incitato o incitano tuttora.

Padovano: perchè?ultima modifica: 2011-12-21T10:38:00+01:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento