W L’ ADDUCE

 

Su questo blog in più di un’occasione sono stati attaccati i vizi e il malcostume della nostra classe politica, questa volta però si cambierà musica perché  è mia ferma intenzione mettere in risalto un gesto bello e pulito, segno inequivocabile che se si vuole,  si può ancora fare politica in maniera seria e cristallina.

Sul Venerdì di Repubblica di questa settimana infatti, a pagina 26, c’è un piccolo articolo (poco più di un trafiletto) che ha attirato la mia attenzione.

Il sindaco di Matera, Salvatore Adduce, si è visto arrivare una lettera dalla società che gestisce lo smaltimento dei rifiuti nella sua città (l’Aimeri).

In tale missiva gli veniva chiesto se poteva segnalare alla società gente da assumere.

Il primo cittadino ha risposto fermamente con la seguente nota: “Le assunzioni devono avvenire in una dimensione di assoluta trasparenza. Invito quindi la società ad assumere il personale richiesto facendo ricorso all’ufficio di collocamento, che deve, fra l’altro, ritrovare il senso della sua esistenza”.

W il sindaco di Matera!

Finalmente abbiamo un concreto esempio di un politico che, pur avendone la possibilità (che l’Aimeri gli aveva offerto senza indugio), si è rifiutato di fare raccomandazioni. Non sembra vero, specialmente in Italia…..

Si è rifiutato inoltre di scendere a futuri compromessi con un’industria che avrebbe assunto qualche suo raccomandato, però chiedendo in cambio qualche cosa, non ne dubitiamo….

Chissà in quante altre città l’Aimeri avrà cercato di fare questo “giochino” e chissà quanti primi cittadini che, invece di Adduce, non hanno esitato a far assumere qualche loro “protetto”, pur di assicurarsi voti futuri…..

Finalmente si è trovato un politico che si è schierato contro questi scambi di favori neanche troppo sotterranei.

La cosa triste è che in un altro paese avrebbe avuto le prime pagine dei giornali tutte per sé, qui in Italia invece si è dovuto accontentare di un articoletto sull’inserto di Repubblica.

In un altro paese il partito di cui fa parte il sindaco avrebbe manifestato il proprio orgoglio nell’avere un uomo del genere fra le proprie fila, da noi stiamo ancora aspettando cenni in questo senso dal partito democratico (di cui Adduce è membro).

Non mi stupirei se invece di essere elogiato e magari avanzare all’interno della gerarchia del partito, Adduce finisse tra un po’ di tempo nell’anonimato, per essere andato contro un’usanza generale della nostra politica.

Io comunque lo ringrazio, perché mi ha fatto credere che ci sono ancora politici seri in giro (e di questi tempi non è poco….).

W L’ ADDUCEultima modifica: 2010-08-12T00:28:00+02:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento