Sul crocifisso va presa una decisione, possibilmente senza bestemmiare!

 

Oggi su internet ho letto una notizia che mi ha incuriosito e di cui voglio parlare.

Pare che a Genova alcuni leghisti abbiano allestito uno stand per raccogliere firme a favore del mantenimento del crocifisso nei luoghi pubblici.

Nello stand vi era pure  un cartello di accuse nei confronti del sindaco del capoluogo ligure, Marta Vincenzi, la quale, probabilmente informata di ciò, si è recata sul posto per controbattere alle accuse che gli venivano mosse. Ne è nata una discussione che ha fatalmente attirato coloro che in quel momento passavano davanti allo stand.

Pare che nel susseguirsi uno degli attivisti della Lega abbia avuto una lite con uno dei passanti ed abbia difeso il crocifisso in un modo che più incredibile non può essere:  bestemmiando ripetutamente.

Sembra una barzelletta, ma è la realtà.

Ora, io non sono un bigotto e tanto meno penso di essere un esempio perfetto di cattolico, sarei ipocrita se sostenessi il contrario.

Va pure aggiunto quanto disse Nostro Signore nel Vangelo, ovvero: “Chi è senza peccato scagli la prima pietra”, perciò non sono abilitato a fare nessun tipo di morale o a sputare sentenze.

Però come si fa a difendere un simbolo religioso bestemmiando?

Certa gente (sia chiaro, il mio non è un attacco alla Lega, ma nei confronti dell’individuo che si è reso protagonista di un gesto che più ignorante non si può) secondo me dovrebbe ricordarsi ciò che diceva Wilde: “E’ meglio tacere e dare l’impressione di essere ignoranti che aprire la bocca e confermarlo” e farebbe meglio ad evitare di fare figure del genere.

Che senso ha fare le battaglie religiose e poi proferire bestemmie a go-go?

Che senso ha fare come quelli che vanno  a Messa per poi non pregare neanche venti secondi e parlare di cazzate col vicino di banco, come ripetutamente ho visto fare in Chiesa?

Io, sono sincero, rispetto di più uno che mi dice che piuttosto di fare così se ne sta a casa oppure  va al bar. Non sarà costui un grande esempio di cattolico, ma è cento volte più onesto e meno ipocrita.

Io capisco che sia difficile se non impossibile seguire alla lettera tutto ciò che viene indicato nei Sacri Testi e ammetto che anche a me purtroppo è capitato (e capita) di eccedere col linguaggio offendendo invano Nostro Signore, perciò non sono degno di giudicare le altrui mancanze in questo senso, ma posso tranquillamente affermare che davanti ad un’ immagine o ad un’ icona sacra riesco tranquillamente a controllarmi in questo senso, perché mi rendo conto di ciò che ho davanti a me.

Vorrei fare un’ultima riflessione.

Possibile che anche su un tema come il crocifisso i nostri politici (e non mi riferisco solo al fatto accaduto a Genova, ma soprattutto a ciò che ho già avuto modo di riscontrare nei talk-show televisivi) debbano trasformare tutto in una gazzarra che nemmeno nel peggior Bar Sport si vede più?

 

 

Sul crocifisso va presa una decisione, possibilmente senza bestemmiare!ultima modifica: 2009-11-27T23:36:00+01:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo

21 pensieri su “Sul crocifisso va presa una decisione, possibilmente senza bestemmiare!

Lascia un commento