Abruzzo, Italia

Su ciò che è accaduto in Abruzzo da giorni tutti dicono (anche impropriamente, purtroppo) la loro.

Io credo invece che non ci sia molto da dire, bensì da fare.

Penso che l’unica cosa da fare sia aiutare i cittadini colpiti da questa disgrazia e fargli sentire che tutta l’Italia è con loro.

Noi italiani avremo anche tanti difetti, ma una cosa va detta, quando succedono sciagure atroci come quella accaduta in Abruzzo, sappiamo essere solidali e aiutare chi ne ha bisogno.

Ne sa qualcosa la popolazione della zona in cui vivo da sempre, colpita circa 15 anni fa da un’alluvione, fortunatamente molto meno grave di un terremoto, ma che comunque danni ne aveva provocati e non pochi, che ha visto l’abbraccio non solo ideale, ma tangibile, di milioni di italiani, attraverso l’arrivo di volontari, materiali, mezzi (arrivò anche parecchio denaro),  che in quel momento  specifico erano necessari.

Sono certo che anche in quest’occasione gli italiani non si tireranno indietro.

Certo, si spera che gli aiuti economici vadano a buon fine e che non si possa mai più ripetere lo schifo a cui ci è toccato assistere per il terremoto del 1980 in Irpinia, dove molti dei fondi (giustamente) stanziati si sono persi misteriosamente per strada e non si sono mai più trovati. Un caso inquietante che la classe politica dell’epoca ha sulla coscienza, quello degli aiuti all’ Irpinia, dove ci sono comuni danneggiati che tuttora  non hanno visto un soldo, mentre su altri che forse non lo meritavano, sono piovuti quattrini a iosa.

Speriamo che prevalga il senso di civiltà e che si pensi davvero a quelle povere persone che hanno subito un’ingiustizia atroce dalla vita.

Sarebbe un insulto imperdonabile se qualcuno trasformasse la tragedia di questa gente in una mangiatoia. 

Concludo con un appello. Se volete fare un qualsiasi tipo di dono per l’Abruzzo (sia economico, che in natura), fatelo, ma prima prendete assolutamente informazioni su chi fa da tramite fra voi e la popolazione a cui è destinato l’aiuto. Purtroppo gli sciacalli non sono in estinzione e  non aspettano che eventi del genere, perciò fate attenzione.

A tal proposito, se qualcuno è alla ricerca di numeri e indirizzi utili è consigliato di consultare il blog sottolacopertadeisogni.myblog.it, che potete facilmente visualizzare nella lista dei blog amici presente su questo blog.

Abruzzo, Italiaultima modifica: 2009-04-09T23:25:00+02:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Abruzzo, Italia

  1. grazie stefano per aver preso come riferimento il mio blog!!!
    i numeri riportati nei miei post arrivano direttamente dalla protezione civile,quindi assolutamente attendibili,fate attenzione a non incappare in finte collette,i codici bancari autorizzati sono solo quelli che trovate sui tutti i quotidiani e nel sito della protezione civile.
    grazie

Lascia un commento