Cantami o IVA…..

Domenica scorsa gli abbonati di Sky (e non solo loro) avranno assistito alle argomentazioni di Ilaria D’Amico, la quale in maniera del tutto civile ha illustrato le ragioni dell’emittente per cui lavora, dopo la decisione del governo di aumentare l’IVA a Sky ed alle tv satellitari.

Ora, è probabile che il governo abbia le sue buone ragioni nell’applicare quest’aumento, ma certo è che quando il capo del governo è allo stesso tempo proprietario di un gruppo televisivo concorrente a quello di Sky (e guarda caso vara un aumento che colpisce il portafoglio del concorrente lasciando quasi intatto il proprio), c’è qualcosa che non va.

Se a ciò aggiungiamo che la tv digitale terrestre (in cui Berlusconi ha forti interessi) non è stata toccata da tale provvedimento, beh, il problema diventa più complesso.

Ci viene detto che sull’aumento dell’IVA per Sky in realtà il governo è stato obbligato dall’ Unione Europea, come ha confermato anche l’ex presidente del consiglio Prodi.

Se è per questo l’ Unione Europea ha anche decretato (da tempo) che Rete4 deve andare sul satellite e lasciare le proprie frequenze a Europa 7, ma chissà perchè in questo caso nessuno ha fretta nell’applicare il volere dell’Unione Europea……

La vicenda Sky è l’ennesima dimostrazione che da tempo (in pratica da quando Berlusconi è sceso in campo), la questione del conflitto d’interesse grava come un macigno sulla politica italiana.

La cosa che mi lascia più sconcertato è che la sinistra non sembra destinare molto spazio a questo problema, si pensi solo che ha governato sette anni (mica pochi…) e non è passato per l’anticamera del cervello a nessuno in quel periodo di sbrogliare questa matassa.

Ovvio che, pretendere che sia Berlusconi a sbrogliarla è utopia, come si può vivere nella speranza che una persona, chiunque sia o rappresenti, si dia da solo una martellata sui propri attributi? Solo un folle farebbe tanto (e Berlusconi non mi sembra esserlo…).

Perciò, credo che il conflitto d’interesse, materia che in qualsiasi altra nazione democratica verrebbe affrontato e inserito nelle priorità, in Italia è destinato a durare per molto tempo ancora, visto che ai nostri politici (sia di destra che di sinistra)  non sembra importare più di tanto.

 

 

 

Cantami o IVA…..ultima modifica: 2008-12-04T00:40:00+01:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Cantami o IVA…..

  1. Caro Stefano, questo tuo intervento contiene un errore. Il digitale terrestre è stato toccato anch’esso da questo provvedimento, testimone la fattura bimestrale che mi è stata appena spedita. Mediaset ha però deciso di abbassare il prezzo per mantenere uguale l’esborso da parte degli utenti.
    Ciò non toglie che se anche avessi dovuto pagare qualche euro in più per seguire il calcio l’avrei fatto senza protestare perchè sono cosciente che si tratta di un bene non di primaria importanza.

  2. Grazie Roby, ti ringrazio per la precisazione. Tuttavia (e correggimi se sbaglio) non credo che ti sia aumentata l’IVA del 20% come per Sky.
    Caso-Sky a parte, resta il fatto che il problema del conflitto d’interessi esiste ed è molto serio.

Lascia un commento