Pistocchi, vai a zappare!

Oggi voglio occuparmi di un personaggio che, per chi  segue il calcio, è conosciuto, per chi non lo segue, un po’ meno, vale a dire Maurizio Pistocchi.

Pistocchi è un giornalista Mediaset, di cui è uno dei moviolisti ufficiali.

Non è un caso che raramente lo vediamo  disquisire su episodi da moviola o  decisioni arbitrali errate a favore del Milan.

In tanti anni, ad esempio, non l’abbiamo mai visto dire nulla  su una cosa che pure i bambini dell’asilo vedevano, cioè che quando il grande Baresi alzava la mano, i guardialinee estasiati, segnalavano fuorigioco (a volte inesistente).

In compenso, sabato sera ha regalato uno spettacolo indecente.

Infatti, in diretta, si è scagliato contro il calciatore del Catania, Tedesco, accusandolo di essere un simulatore. Tedesco ad  un certo punto, non sopportandolo più,  se n’è andato dalla trasmissione.

La cosa schifosa è che Pistocchi ha fatto pure la figura di colui che le canta e suona a tutti.

Da anni assistiamo a sceneggiate di basso rango da parte di molti calciatori che, appena toccati, si lasciano cadere mettendosi le mani sul volto e sembrano in pericolo di vita, salvo poi, dopo pochi secondi, correre come fulmini per il campo.

Tutti i calciatori, pur di guadagnare un rigore o una punizione, accentuano il contatto avuto con l’avversario, siano della Juve, del Milan, dell’Inter piuttosto che di una squadra piccola.

Chissà come mai, non abbiamo però mai visto Pistocchi atteggiarsi coi campioni delle grandi squadre come ha fatto con Tedesco.

Certo, è più semplice prendere di mira un calciatore del Catania (magari senza sottolineare che, avrà pure accentuato, ma quello dell’Inter ha fatto un fallo senza senso), che un campione che dietro di sé ha una grande società con magari sponsor altrettanto potenti.

Pistocchi fa parte della lunga schiera dei servi sciocchi che popolano il sistema televisivo, che non a caso sta degenerando sempre più.

Credo che neppure il tanto vituperato Biscardi vorrebbe uno così in trasmissione, tanto é vero che il conduttore molisano ha sempre dato nel suo Processo uno spazio ai calciatori e ai presidenti delle squadre più deboli, lasciandogli esporre le proprie ragioni. Mai si sarebbe comportato come ha fatto Pistocchi con Tedesco.

C’è una bella canzone di  Frankie – Hi – nrg che recita: “Sono in tanti, arroganti coi più deboli e zerbini coi potenti, sono replicanti…”, Pistocchi è uno di questi.

Certo, se penso che una volta la moviola la faceva un giornalista del calibro di Carlo Sassi e che ora c’è Pistocchi, mi vengono i brividi….

Pistocchi, vai a zappare!ultima modifica: 2008-09-17T00:21:00+02:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento