L’orrore di Cernobyl

Era il 26 aprile del 1986 quando esplose il reattore numero 4 della centrale nucleare di Cernobyl in Ucraina (allora ancora facente parte dell’ U.R.S.S), provocando un disastro ambientale spaventoso.

Sono passati 22 anni da quel triste giorno.

Ricordo che nel mondo per giorni non si parlò  d’altro.

Una nube radioattiva, in seguito all’esplosione, contaminò mezza Europa.

Le radiazioni emanate non furono di tipo nucleare, bensì chimico, ma già più che sufficienti per provocare contaminazioni nocive gravissime.

Ero bambino, ma ricordo perfettamente la psicosi che derivò da tale dramma.

La gente temeva nel mangiare la carne, la frutta, le verdure.

Tutti avevano paura per questo disastro ambientale, le cui conseguenze si riversarono principalmente su tutta la popolazione locale, che in seguito venne evacuata.

 Siccome  però mezza Europa venne contaminata, anche altri popoli, seppur in misura minore, subirono danni da  questo terribile disastro.

Perché?

Come mai si è arrivati a tanto?

Chi da la causa ad un errore da parte dei dirigenti e dei tecnici della centrale , chi ad un difetto del reattore, chi negli anni ha sostenuto varie teorie, alcune bizzarre, ma ancora oggi si è totalmente dubbiosi sulle reali cause.

Una cosa è certa, dopo quel giorno il mondo non è mai più stato lo stesso.

I sospetti che le radiazioni e le contaminazioni di Cernobyl siano ancora presenti nell’aria che respiriamo ancora oggi sono nella mente di mezzo mondo.

Francamente io non sono uno scienziato, un medico o uno che su questi argomenti può saperla lunga, quindi mi astengo dal fare commenti tecnici specifici, però è vero che anche se non se ne parla più molto (mi piacerebbe tanto conoscerne il perché, dato che è un fatto che ha sconvolto il pianeta e i suoi abitanti, considerando che vi sono persone che ancora oggi stanno pagando o potrebbero pagarne gli sviluppi) la paura per le conseguenze quel tragico 26 aprile 1986 è ancora viva dentro di noi.

L’orrore di Cernobylultima modifica: 2008-04-27T18:50:00+02:00da stefanobosca
Reposta per primo quest’articolo